Home > Primo piano > La Provincia di Monza non serve

La Provincia di Monza non serve

7 Novembre 2008

La nuova inutile Provincia di Monza e Brianza

 

Evitiamo di buttar via altri soldi (i nostri!). Un invito a riflettere!

 

Tra meno di un anno potrebbe diventare operativa la nuova Provincia di Monza e Brianza, che andrebbe ad accostare le altrettanto inutili molte nuove Province di recente istituzione. Questo carrozzone inutile e obsoleto, non solo ci e’ costato fino ad ora diverse decine di milioni di Euro (di denaro PUBBLICO!) ma ce ne costerà altrettanti prima della sua definitiva attuazione. Che sia solo ed esclusivamente una trattativa politica per la distribuzione di incarichi e denaro, lo testimonia il fatto che non vi è una sola altra ragione che induca a creare tale nuova ed inutile Provincia.

 

INVECE

 

1) Un Sindaco Metropolitano!

Quale migliore garanzia, per gli abitanti della Brianza, di un Sindaco che abbia bisogno dei loro voti per ben governare? Oggi ogni decisione viene ostacolata da paesi e paesini in contrasto tra di loro e assieme in contrasto con Milano. Un Sindaco Metropolitano è in grado di coordinare gli interventi in tutta l’area, dovendo rispondere a tutti gli abitanti, non solo a quelli della Milano attuale.

 

2) INPS, INAIL, IVA, CCIAA per le aziende e per i privati.

Questi uffici sono già presenti, nei loro decentramenti e, quindi, non occorre andare a Milano per le inerenti necessità. Anzi, un’unica Città Metropolitana permetterebbe di utilizzare queste sedi anche avendo l’attività in Milano centro e viceversa. Oggi non è possibile e con la nuova Provincia lo sarà ancor meno, obbligando a tour de force chi ha l’attività in una zona diversa da quella di residenza.

 

3) Protagonisti veri! Non periferia!

Cosa andiamo a sacrificare? La nostra area metropolitana, quella che in qualunque nazione del mondo verrebbe considerata un’entità unica di oltre 4 milioni di abitanti, e’ tutt’ora riconosciuta come una delle più importanti e prestigiose del mondo. Con le nuove sfide del presente e del futuro (Expo 2015, Capitale Mondiale della moda, della Lirica, nel mondo tra le prime città del Terziario e del Terziario Avanzato nonché Capitale Finanziaria, Industriale, Editoriale di tutto il Paese, Capitale Europea dello Sport 2009 e una delle più importanti grandi città del mondo. Una cosiddetta Alpha City, Città Globale) la "Grande Milano", di cui noi facciamo ancora parte, e’ in corsa. Ma sebbene più o meno tutti noi sappiamo che al di là della nuova provincia Monza rimarrà dov’è e continuerà di fatto a far parte della grande area metropolitana, nel mondo purtroppo la visione non sarà così, e si perderanno moltissime opportunità.

 

4) Che ne sarà di Monza?

Concettualmente Monza sparirà, rimarrà indietro rispetto a Milano che avrà creato la sua "Città Metropolitana", proiettata nel futuro come tutte le altre metropoli del mondo. Monza invece resterà dimenticata, staccata in un concetto lontano e provinciale che taglierà i ponti anche alla creazione di innumerevoli opportunità di scambio e visibilità internazionali, che e’ quello che preme di più anche agli industriali locali, diversi dei quali già hanno la sede legale a Milano, per via dell’attrattiva che il nome “Milano” esercita nel mondo intero. Al contrario Monza potrebbe essere una parte integrante nel coordinamento e nella direzione della grande area di cui fa parte. Adesso, contraddittoriamente, Monza si stacca dalla Provincia di Milano ma chiede finanziamenti per l’Expo 2015. A che titolo?

 

5) La forza di un’area grande e ricca, la debolezza della frammentazione!

I bisogni, oggi, non sono di frammentazione, ma di organizzazione ottimale delle risorse e delle forze economiche. Se un Federalismo nazionale è cosa ottima per una gestione diretta delle risorse, la frammentazione locale e’ obsoleta e distruttiva, in quanto foriera di spese e veti incrociati, di liti e discussioni da bambini, al solo scopo di ottenere qualche vantaggio a spese collettive. Di esempi di lungaggini e ripicche ne abbiamo a non finire (vedere oggi la Pedemontana, la Tangenziale Esterna e così via). Un caso sotto agli occhi di tutti e’ la metropolitana, che ci doveva collegare da tempo al centro della metropoli. Nessuno ne parla più seriamente e la nostra amministrazione locale ne rinvia continuamente la realizzazione. La pura demagogia farà sì che, per accontentare qualcuno che necessita di un incarico politico per vivere, si perderà ogni logico coordinamento all’interno della nostra realtà. Questo non è certo lo stile lombardo di agire. Ne faremo le spese tutti noi cittadini!

 

6) Rispettiamo le opinioni di tutti!

Se dovessimo oggi verificare l’opinione diffusa sulla creazione di questa futura istituzione, a nostro parere inutile e dannosa, crediamo che il risultato sarebbe molto incerto. Al di là degli elogi autoreferenziali del solito gruppetto di personaggi interessati, che ogni giorno si sprecano su poche pagine web e su qualche testata locale, crediamo che una grande percentuale della popolazione sia tutt’altro che favorevole a buttar via altri soldi (che come sempre provengono dalle nostre tasche), per scomparire per sempre nel separatismo locale, retrogrado e provinciale di una città che è fisicamente unita al resto dell’Area Metropolitana e ne condivide la vita quotidiana!!!

 

Che necessità abbiamo di spendere una fortuna per dividere amministrativamente un territorio che, nei fatti prima che nelle intenzioni, è strettamente interconnesso?

 

monzametropolimilano@tiscali.it

Categorie:Primo piano Tag:
  1. 14 Novembre 2008 a 9:22 | #1

    Ma lo sanno i monzo-brianzoli che quando Milano approva 700.000 vani in più la loro villetta si deprezza, e non possono farci niente perche tanto “sono di un’altra provincia” (ma non di un altro mercato immobiliare!

  2. ferruccio
    14 Novembre 2008 a 15:32 | #2

    finalmente un po di lucidita’ e razionalita’, in mezzo a tanti interessi “bassi” …in un momento in cui tutta l’Europa e probabilmente una grande parte del mondo si indirizza verso uno sviluppo coordinato delle metropoli, attraverso le citta’ metropolitane, a Monza i soliti noti per i loro interessi di bottega si inventano l’ennesimo carrozzone chiamato provincia di monza e brianza e non importa se in campagna elettorale, pressoche’ tutti i leader avevano parlato di abolizione di quelle esistenti perche’ enti inutili…

    tenete duro e buona fortuna !!!

  3. lele
    17 Novembre 2008 a 16:45 | #3

    sono diventati un pò tutti leghisti…
    &ltbr/>io ed altri Compagni di Brugherio, NO!!!
    &ltbr/>no alla Provincia di Mb
    &ltbr/>SI SI SI SI alla Città Metropolitana

  4. vittorio
    23 Novembre 2008 a 19:15 | #4

    Vista l’impossibilità di ragionare con le persone che pretendono di imporci le loro volontà, non sarebbe possibile organizzare un referendum cittadino per constatare quale veramente è la volontà dei monzesi circa l’istituzione di una nuova provincia?
    &ltbr/>perchè dobbiamo accettare le scelte purtamente personali ed egoistiche di pochi? per essere più esplicito, che fine farebbero tutti i commercianti della nostra città se Monza fosse finalmente collegata con Milano da una vera linea metropolitana?
    &ltbr/>La maggior parte sarebbe costretta a chiudere visti i prezzi da loro praticati assolutamente non competitivi con quelli riscrontrabili a Milano.
    &ltbr/>Che fine farebbero i liberi professionisti se si dovessero confrontare e mettere in concorrenza con la realtà di Milano?
    &ltbr/>Sono solo loro che traggono vantaggio dall’isolamento di Monza.
    &ltbr/>E’ ora di finirla, utilizziamo ogni mezzo a disposizione per far valere i diritti e le esigenze della stragrande maggioranza dei monzesi.

  5. Milano Città Metropolitana
    24 Novembre 2008 a 14:25 | #5

    Carissimo Vittorio, ti ringrazio per aver postato la tua opinione. Purtroppa sappiamo tutti come sia, oggi, la questione. Ogni minimo interesse di parte strepita per far prevalere i propri vantaggi. Non dico interessi, che sarebbe anche comprensibile, ma vantaggi, che non è invece ammissibile.
    &ltbr/>Le persone silenziose non vengono considerate alla pari di chi strepita.
    &ltbr/>Con questo volantinaggio speriamo, a Monza, di creare un interesse alla questione. Siamo consapevoli che non possiamo, qui, fare nulla per impedire questo scempio. A Brugherio, invece, hanno iniziato in anticipo per indire un referendum che invitesse la popolazione ad esprimersi sulla possibilità di rimanere in provincia di Milano. Certo, questo, a Monza non è possibile, in quanto “centro dell’impero”. Una cosa speriamo sia possibile, invece, nel tempo. Una volta creata la nuova inutilissima Provincia, Milano e Monza potrebbero creare la città metropolitana davvero, costituendo un ente unico, con un unico Sindaco e diversi muncipi, come accade in tutto il mondo e, ad esempio, anche in Italia, a Roma. Roma che, nell’insieme, è molto più piccola dell’area milanese (vedasi immagini dal satellite). La nostra area, quindi, ben si presterebbe ad un’organizzazione di questo tipo, dove il Sindaco della Città Metropolitana fosse eletto anche dai vedanesi o dai monzesi, come dagli abitanti di Giussano, e a questi rispondesse per essere rieletto.
    &ltbr/>Al di sotto, alcuni municipi, con poteri più locali, che non comprendessero politiche dei trasporti e delle infrastrutture, ad esempio.
    &ltbr/>Max

  6. ferruccio
    26 Novembre 2008 a 16:30 | #6

    ho avuto modo nel mio piccolo di verificare quale formidabile impatto ha avuto la vostra iniziativa di volantinaggio, alcuni signori della casta hanno reagito come api impazzite dentro un alveare, probabilmente non si aspettavano dissidenza nel cuore dell’impero e a giudicare dalle reazioni si sentono una volta tanto “precari” difendendo questo carrozzone inutile.
    &ltbr/>andate avanti!!!
    &ltbr/>con stima crescente vi saluto,
    &ltbr/>ferruccio

  7. MONZAPROVINCIA
    28 Novembre 2008 a 14:44 | #7

    Finalmente Noi Monzesi diventiamo provincia, orgogliosi di staccarci da Milano. Non volete la Provincia MB benissimo tenetevi la vostr MI…

    ORGOGLIOSO DI ESSERE MONZESE

  8. Milano Città Metropolitana
    28 Novembre 2008 a 16:24 | #8

    Non comprendo in modo particolare l’orgoglio di essere nato in una città. Al massimo posso comprendere il riconoscimento della fortuna che si è avuta nel nascere in una realtà avanzata come Milano, la Lombardia in genere e così via. A meno che l’essere nato da qualche parte non sia un merito proprio della persona che nasce. Di più: l’essere nato in una realtà avanzata aumenta i doveri di comportamento e di riconoscimento del ruolo che si ha nei confronti del mondo intero e, infine, dovrebbe far sì che le informazioni circolassero più rapidamente e complete. Da ciò si comprende come fatichi, io, a capire come un monzese, di certo appartenente ad un’area positiva del Paese, non si renda conto di come il mondo intero viva in modo diverso l’appartenenza ad una comunità. Le aree circostanti Londra, Parigi, New York, che sono le città con cui Milano si confronta (anche da sola senza Monza, mentre il contrario è impensabile) non farebbero mai l’errore di voler essere cosa a sè dal centro dell’area metropolitana a cui fanno riferimento.

    Ma mettiamo che sia anche giusto che Monza voglia essere cosa a sè, mi si può spiegare, per cortesia, per quale motivo i propugnatori della nuova Provincia chiedono che i fondi per l’Expo 2015 siano assegnati pure alla Brianza? In base a quale diritto?

    Mi sembra molto comodo, invero. E se si risponde che l’Expo è per l’Italia e non per Milano, d’accordo: che la Brianza entri in gioco come qualunque altra area italiana o, al limite, lombarda. Non certo per via dell’omogeneità con Milano. O no?

  9. max64
    30 Novembre 2008 a 22:06 | #9

    Cari signori che sostengono questa provincia, vorrei chiedervi una cosa. A parte il fatto che essere orgogliosi di “staccarsi”, il che equivale ad essere orgogliosi di dichiarare il proprio provincialismo (mica per nulla chi ha aperto questo blog parla di paragoni con citta’ che all’apparenza mondiale, proprio grazie alle nostre “baruffe da cascina”, riscuotono molto piu’ successo, attenzioni ed opportunita’) Facciamo la provincia di Monza, e poi facciamo la provincia di Baggio, della Bovisa, di Affori…! Ma per favore !!! Spendiamo una fortuna di denaro pubblico.

    E poi andiamo all’estero e davanti alle metropoli evolute, come degli ebeti…a bocca aperta diciamo…”AAaa… loro sì che sono piu’ avanti, non come noi!”

    Cari signori, se tutti questo succedera’ dovremo ringraziare quelli come voi. Quelli che hanno trovato la loro identita’ culturale in un prefisso telefonico.

    Io sono monzese ma per fortuna di vedute un po’ piu’ ampie delle vostre. Non ci credero’ mai e non mi sentiro’ MAI “brianzolo”. e questo non vuol dire rinnegare le proprie origini, solo guardare al futuro.

    Al di la di tutto, solo una raccomandazione, tenetevela la Vs provincia, ma per favore, se volete postare commenti su questo blog, cercate di utilizzare lo spazio per scrivere cose sensate, come facciamo noi. Non dichiarazioni tipo “viva linter, viva Mllan, abbasso qui abbasso la’”. Spero per voi che abbiate almeno qualche argomento interessante. E non solo quello che abbiamo letto fino ad ora, che francamente interessante non lo e’ per nulla….

    Forza Brugherio del SI, e forza a tutti quelli in tutti gli altri comuni che continueranno a credere come noi in qualcosa di piu’ ampie vedute!!

    Max 64

  10. Max 64
    30 Novembre 2008 a 22:16 | #10

    Ragazzi, una cosa divertente !

    Qualche giorno fa ho letto sulla testata “libero news” mi pare, un tizio che sparava a zero e faceva minacce…! Purtroppo l’articolo non lo trovo piu’, ma diceva in sostanza cosi’ : -” cari paladini del risparmio di denaro pubblico, dovrebbero smetterla ! IO sono orgoglioso di staccarmi da Milano ! a proposito, non dovevano venire a volantinare anche a Monza ? Peccato che non si siano visti, ci avrebbero trovato in molti ad aspettarli!”-

    Beh, io non so chi sia questo signore, ma gli faccio i miei complimenti. Si, perche’ ammetto che deve essere una persona molto impegnata per non essersi accorto che Domenica scorsa eravamo ben in tre a volantinare… e nel centro “del’impero”! Solo, caro signore, che non eravamo di Brugherio, ma di MOnza ! Si’ perche’ anche da noi ci sono persone dotate di buon senso e di cultura un po’ piu’ ampia della “verde brianza” !

    E tra l’altro devo fare veramente (ma non in senso sarcastico ma sincero) i miei complimenti ai MOnzesi. Nessuno ha buttato il volantino, tutti hanno ringraziato, lo hanno letto con attenzione e lo hanno conservato! Caro signore, forse non sono tutti come lei, per fortuna ! e chissa’… se facessero un sondaggio anche a Monza….mi sa che ci rimarrebbe molto male !

    Max 64.

  11. Milano Città Metropolitana
    30 Novembre 2008 a 22:56 | #11

    In tutta verità anche io mi aspettavo di poter dialogare con argomenti di cui discutere. Qui abbiamo iniziato a scrivere dando una ragione, condivisibile o meno, alle nostre posizioni. Perchè, mi domando e domando, si vuole la provincia nuova? Al di là del Viva Milan o Viva Inter.

    Quanto a chi era ad attenderci per chissà cosa fare, davvero deve essere stato disattento. Eravamo in 3 nelle tre vie principali della città. Abbiamo distribuito volantini, dialogato, raccolto opinioni e portato avanti le nostre idee.

  12. Max 64
    1 Dicembre 2008 a 21:37 | #12

    Beh’, almeno qualcuno (anche se non tutti) ha iniziato a “ragionare” con delle opinioni un po’ piu’ motivate, sebbene ovviamente ognuno e’ libero di pensarla come vuole…!

    Beh, passionalmente parlando anche a me dispiace per il risultato di Brugherio, e francamente ho il timore che la “modalita’” e le regole siano state un po’ “pilotate” per avere un risultato incerto. Credo che quei ragazzi ci abbiano veramente creduto, e che non si siano messi davanti a insulti, minacce, improperi, spese e ore passate al freddo per puro spirito masochistico..

    In ogni caso continuo a non capire questo “separatismo a tutti i costi”.. Ma diamine ! E’ cosi’ chiaro che il futuro della Ns area (parlo della Grande Milano- che attenti bene, potrebbe anche non chiamarsi piu’ MIlano…che come provincia fa ancora piu’ schifo -pienamente d’accordo!- e di cui MOnza potrebbe veramente costituire una regia di prim’ordine !) non potra’ che comprendere Monza, Busto arsizio e Gallarate, Rho, Legnano, Melegnano….. Questo lo dico senza alcun campanilismo, ma come dice MM, per una logica macrosopica di sinergie OVVIE.

    E non capisco…. MOnza e i “brianzoli” si barricheranno stile “cinque giornate” per creare un fossato con i coccodrilli al centro dell’area, al grido “Siamo separati ! Siamo separati!”

    Sapete che davvero la logica di tutto cio’ mi sfugge…? Sembra un andare controcorrente a tutti i costi. Mah.

    Mi piacerebbe trovare qualcuno che mi convincesse a cambiare idea…..!!! Aiuto !

    Max 64

  13. fierodiesserebrianzolo
    29 Giugno 2009 a 22:23 | #13

    Ueh, sostenitori dell’antibrianzolità, ma vi siete dileguati tutti? Il risultato del referendum di Brugherio vi ha relegato nelle catacombe? O forse vi siete arresi, visto che dal 7 giugno la provincia di Monza è realizzata non più solo de-facto come lo è sempre stata, non più solo giuridcamente come lo siamo dal 2004, ma anche istituzionalmente?

    Io cmq mi sforzo di dialogare con voi (e di fatica ne faccio tanta, credetemi, perchè a mio avviso siete di una malafede estrema).

    Dunque vi dico: ma voi credete davvero che l’AREA METROPOLITANA dovrebbe comprendere SOLO la vecchia provincia di Milano? Qlc prima faceva l’esempio del marziano che vedesse la nostra zona dal satellite: evidentemente ‘sto marziano avrebbe le traveggole, se a nord di Seregno e a sud di S. Giuliano milanese vedesse del verde, a contrastare il grigio di quello che gli sta in mezzo.

    La verità, signori, è che l’AREA METROPOLITANA è una immensa, sterminata, indistinta conurmbazione che va da Torino a Mestre, fino al Po. Il che significa che NON E’ Milano, ma un’insieme indistinto di comunità che si sono fuse insieme. Quindi smettetela di dire Milano metropoli, conurbazione milanese e via dicendo, perchè l’area metropolitana NON HA ANCORA UN NOME.

    Perchè allora dico che siete in malafede?

    Semplice, perchè stante quanto sopra, non vedo nessuno di voi chiedere lo scioglimento della provincia di Como, di Lodi, di Novara e via dicendo, vi scagliate solo, unicamente ed esclusivamente contro la provincia di Monza. Che è poi la realtà in cui vivete, mi pare di capire, quindi autolesionisti, oltre che incoerenti.

    Se foste coerenti, come ho già scritto, vi battereste per abolire TUTTE le province, indistintamente, o quantomeno per abolire tutte le province dell’area metropolitana. Invece…

    Meditate gente, meditate.

I commenti sono chiusi.